Rivalutazione beni d’impresa e partecipazioni (Art. 110 Decreto-Legge n. 104/2020 “Decreto Agosto”)

Obiettivi

La nuova rivalutazione si caratterizza per versatilità e convenienza, l’obiettivo è aiutare le società a patrimonializzarsi, a costi molto contenuti, attraverso questo strumento.

Beneficiari

Le società di capitali e gli enti commerciali residenti nel territorio dello Stato (articolo 73, comma 1 lettere a) e b) del Tuir) che non adottano i principi contabili internazionali, anche in deroga all’articolo 2426 del Codice civile e delle altre disposizioni vigenti in materia.

Interventi ammissibili

Si possono rivalutare i seguenti beni e partecipazioni (esclusi gli immobili alla cui produzione o al cui scambio è diretta l’attività di impresa), purché iscritti nel bilancio in corso alla data del 31 dicembre 2019: terreni, fabbricati, impianti, macchinari, attrezzature, marchi, brevetti, diritti di utilizzazione delle opere dell’ingegno (software), concessioni, licenze, avviamento, partecipazioni in società controllate e collegate iscritte tra le immobilizzazioni finanziarie. La rivalutazione può essere effettuata anche distintamente per ciascun bene.

Misura del contributo

La rivalutazione dei beni di impresa e delle partecipazioni (purché iscritti nel bilancio in corso alla data del 31 dicembre 2019) può essere effettuata anche sui singoli beni e sconta una imposta del 3%.

Come operare

La normativa prevede la possibilità di effettuare la rivalutazione anche per un singolo bene: questa avverrà nel bilancio successivo a quello in corso al 31 dicembre 2019 (quindi nell’esercizio 2020 per i soggetti con esercizio coincidente con l’anno solare), e dovrà essere esposta nell’Inventario e in Nota integrativa.
La norma, come primo passaggio, prevede la possibilità di rivalutare i beni (materiali o immateriali), ai soli fini civilistici, in modo gratuito (senza imposte da versare).
Il “DL Agosto” prevede anche la possibilità di “affrancare”, in tutto o in parte, il saldo attivo risultante dalla rivalutazione attraverso l’applicazione, in capo alla società, di una imposta sostitutiva delle imposte sui Redditi dell’Irap e di eventuali addizionali in misura del 10%.
Dopo essere stato affrancato, il saldo attivo di rivalutazione si trasformerà in una riserva di utili e diventerà liberamente distribuibile ai soci: la distribuzione non sarà più tassata in capo alla società, ma solo in capo ai soci secondo le norme previste per la tassazione dei dividendi.

Modalità e termini

Entrambe le imposte sostitutive previste dal DL agosto, quella per la rivalutazione e quella per l’eventuale affrancamento, saranno versate in un massimo di tre rate di pari importo, di cui:

  • La prima scadenza sarà il termine previsto per il versamento del saldo delle imposte sui Redditi relative al periodo di imposta nel quale è avvenuta la rivalutazione;
  • Le successive due entro il temine previsto per il saldo delle imposte sui Redditi dei successivi due esercizi.

L’imposta sostitutiva sarà compensabile in F24.
Il Nostro team di Specialisti è a disposizione per fornire informazioni dettagliate e una preanalisi gratuita su tutte le Opportunità Agevolative.



Contattaci

Value Target offre gratuitamente lo studio preliminare di prefattibilità per capire quali sono le migliori opportunità per la tua azienda. Contattaci per saperne di più.

    Accetto i termini della privacy policy

    Ti serve una consulenza?