logo



Centralino: (+39) 0522 15 33 593



Professionisti di esperienza pluriennale ed alta specializzazione nella finanza agevolata.



VALUE TARGET SRL
Via Meuccio Ruini n. 12
42124 Reggio Emilia

(+39) 0522 15 33 593
info@valuetarget.it



Contattaci

Termini e condizioni d'uso

Value Target Srl nella qualità di Titolare del trattamento dei Suoi dati personali, ai sensi e per gli effetti del D.Lgs. 30 Giugno 2003 n. 196 ('Codice in materia di protezione dei dati personali'), di seguito 'Codice della Privacy', con la presente La informa che la citata normativa prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali e che tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità, trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti.
I Suoi dati personali verranno trattati in accordo alle disposizioni legislative della normativa sopra richiamata e degli obblighi di riservatezza ivi previsti.
I Suoi dati personali potranno inoltre, previo suo consenso, essere utilizzati per le seguenti finalità:

  • Rispondere alle sue richieste.

Il conferimento dei dati è per Lei facoltativo riguardo alle sopraindicate finalità, ed un suo eventuale rifiuto al trattamento non compromette la prosecuzione del rapporto o la congruità del trattamento stesso.
Modalità del trattamento: i suoi dati personali potranno essere trattati nei seguenti modi:

  • Trattamento a mezzo di calcolatori elettronici;
  • Trattamento temporaneo dei dati e relativa cancellazione subito dopo il loro utilizzo.

Ogni trattamento avviene nel rispetto delle modalità di cui agli artt. 11, 31 e seguenti del Codice della Privacy e mediante l'adozione delle misure minime di sicurezza previste dal disciplinare tecnico (Allegato B).
Comunicazione : i suoi dati saranno conservati presso la nostra sede e saranno comunicati esclusivamente ai soggetti competenti per l'espletamento dei servizi necessari ad una corretta gestione del rapporto, con garanzia di tutela dei diritti dell'interessato.
I suoi dati saranno trattati unicamente da personale espressamente autorizzato dal Titolare ed, in particolare, dalle seguenti categorie di soggetti incaricati:

  • Area commerciale
  • Area Back Office
  • Area tecnica
  • Area amministrativa

Diffusione: I suoi dati personali non verranno diffusi in alcun modo.
Titolare: il Titolare del trattamento dei dati, ai sensi della Legge, è Value Target Srl (Via Meuccio Ruini n. 12, 42124 Reggio Emilia - RE; e-mail: info@valuetarget.it; telefono: 0522/1533593) nella persona del suo legale rappresentante pro tempore.
Lei ha diritto di ottenere dal titolare al trattamento la cancellazione, la comunicazione, l'aggiornamento, la rettificazione, l'integrazione dei dati personali che La riguardano, nonché in generale può esercitare tutti i diritti previsti dall'art. 7 del Codice della Privacy fornito in copia di seguito.
Decreto Legislativo n.196/2003: Art. 7 - Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti

1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.
2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.
3. L'interessato ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.
4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

Acconsento al trattamento dei dati personali

* Campo Obbligatorio

 

Innovazione di Processo e R&S (Risoluzione AdE 46/E/2018): Criticità

Con la Risoluzione n. 46/E del 22 giugno 2018 (di seguito, la “Risoluzione 46/E/2018”), l’Agenzia delle Entrate e il MISE, interpellato per una valutazione di natura tecnica, hanno fornito un parere a fronte di una richiesta da parte di un’azienda in merito all’ambito applicativo della normativa riguardante il Credito d’Imposta per gli investimenti in attività di ricerca e sviluppo (di seguito, “Credito d’Imposta per R&S”).

La Risoluzione 46/E/2018 ha evidenziato alcune distonie interpretative rispetto ai principi sui quali il Credito d’Imposta per attività di ricerca e sviluppo fonda le sue origini.

1. Rimando al solo Manuale di Frascati
Il rimando al Manuale di Frascati (OCSE 2015) come unico metro di valutazione delle attività ascrivibili alla R&S rischia di essere fuorviante ed erroneamente preso a riferimento:

– La normativa italiana riguardante il Credito d’Imposta per R&S attualmente in vigore (art. 3 del Decreto Legge n. 145 del 23 dicembre 2013, in seguito modificato dalla Legge di Stabilità 2015 n. 190 del 23 dicembre 2014) rimanda al Manuale di Frascati (OCSE 2015) solo nella sezione dedicata alla definizione delle intensità massime di aiuto, ma in questa sede si ricorda che attualmente, a differenza del passato, tale normativa non distingue più l’intensità del beneficio per le diverse fasi della R&S, che è la medesima per tutte le categorie di attività ammissibili.

– La Circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 5/E del 16 marzo 2016 e successive integrazioni (di seguito, la “Circolare 5/E/2016”), che fornisce le disposizioni operative necessarie alla corretta definizione del beneficio, non cita mai espressamente il Manuale di Frascati (OCSE 2015), né come norma di riferimento, né come interpretazione applicativa.

2. Innovazione intesa in senso assoluto e non come parametro della R&S
Il messaggio che sembra emergere dalla Risoluzione 46/E/2018 è che l’innovazione debba essere intesa in senso assoluto e non come parametro della R&S:

– La Risoluzione 46/E/2018 pare sostenere che l’innovazione sia da intendere in senso assoluto rispetto all’intero settore di appartenenza o a standard tecnologici di riferimento oppure ancora rispetto a progetti di R&S in corso.

– Il percorso logico che ha condotto la Commissione europea all’individuazione delle attività di R&S passa invece attraverso la declinazione del concetto di innovazione: in particolare, il rilievo dato all’innovazione discende dall’adesione ad una definizione di R&S proprio del Manuale di Oslo (OCSE 2005).

– Il Manuale di Oslo (OCSE 2005) rappresenta la base concettuale e metodologica per la misurazione dell’innovazione svolta dalle imprese e pone l’innovazione quale parametro dell’indagine volta ad individuare lo sforzo delle stesse nell’elevare il processo ed il prodotto della propria attività, accrescendo quindi la competitività del sistema: in tal senso l’innovazione è intesa quindi non in senso assoluto, in quanto sarebbe impossibile per le aziende essere a conoscenza dell’intero universo di tecnologie, processi, prodotti presenti sul mercato e oggetto di R&S.

– Questo concetto peraltro non è presente né nella normativa riguardante il Credito d’Imposta per R&S attualmente in vigore né nella Circolare 5/E/2016.

3. Esclusione degli investimenti per attività caratteristiche
Dalla lettura della Risoluzione 46/E/2018, emerge che gli investimenti in beni impiegati nella realizzazione di attività caratteristiche dell’impresa non siano qualificabili come attività di R&S:

– Se questa tesi fosse considerata veritiera, solo le società che svolgono attività di R&S destinate a settori di attività diversi da quella caratteristica potrebbero usufruire del Credito d’Imposta per R&S.

– Di nuovo, questo concetto non è mai stato espresso né nella normativa riguardante il Credito d’Imposta per R&S attualmente in vigore né nella Circolare 5/E/2016.

– Esemplificativo di questo concetto è il caso di un’azienda farmaceutica, che sviluppa nuovi farmaci e/o molecole: la loro realizzazione non potrebbe essere considerata R&S, in quanto riguarderebbe attività caratteristiche dell’impresa.